La Cucina ragusana.

Scritto da
roomify
|
Marzo 7, 2014

Monumenti

Nel sud est dell’isola si conserva la tradizione culinaria più antica e semplice della Magna Grecia, piatti genuini e semplici legati ai prodotti della terra, pochi i contrasti e i sapori forti, rispetto alla Sicilia occidentale dove prevale l’influenza araba, francese e spagnola con accostamenti più contrastanti.

A Ragusa dovrete provare i ravioli di ricotta con il sugo, su i quali sicuramente ascolterete dagli abitanti la famosa diatriba su chi li fa con ricotta zuccherata  che contrasta con il sugo e chi con ricotta semplice, le famose scacce ripiene di melenzane, cavolfiori, oppure formaggio e pomodoro,  ricotta e cipolla, ricotta e salsiccia, le ‘mpanate  di pasqua ripiene di agnello, le cassatine di ricotta infornate.

La tradizione ragusana, ricca di allevamenti e coltivazione è legata molto alla carne, alle verdure e ai formaggi. Per ogni viaggiatore che passa da Ragusa è doveroso assaggiare il formaggio Ragusano Dop, la provola fresca o una ricotta nelle cavagne, una piatto di pasta con sugo di maiale, oppure la pasta ca tinnirumi (cime della zucchina siciliana),  con gli asparagi e capuliatu, la pasta con il brodo di carne e le palline di pane, il bollito;  non mancano piatti a base di pesce come le sarde in foglie di lattuga, le ‘mpanate di seppie e patate, il tonno con la cipolla di Giarratana  e ciliegino.

Merita attenzione anche  il pane di pasta dura,  appena sfornato e condito con il profumato olio Dop dei Monti Iblei e una manciata di origano è una prelibatezza; a concludere ci pensa il delicato e fresco gelo al limone, alla cannella, o un vellutato biancomangiare.

dove soggiornare