A Scicli tra Montalbano e barocco con i Siti Culturali del Comune di Scicli

Scritto da
Vincenzo B
|
Luglio 22, 2018

Monumenti

A  Scicli tornano a essere fruibili a pieno ritmo i Siti Culturali del Comune. A gestire il servizio di visite guidate sarà per due anni la Cooperativa Sociale Agire che, tra le sue fila, annovera anche tanti operatori con diverse abilità pronti a far scopire le bellezze della nostra città a tutti i viaggiatori.

Quattro sono i siti visitabili in Via Francesco Mormino Penna e a far da luogo principe è sicuramente il Municipio alias Commissariato di Vigata, il più famoso d'Italia. Al suo interno oltre ai locali in stile liberty dell'ex Circolo di Conversazione, ora regno del Commissario Montalbano, del suo Vice Augello, del fedele Ispettore Fazio e dell'inimitabile Agente Catarella, puè essere visitata l'elegante stanza del Sindaco di Scicli, nella fiction ufficio del Questore Bonetti-Alderighi, fiero oppositore del Commissario.

Diversi, invece, gli altri due siti aperti alle visite: Palazzo Spadaro e la Chiesa di Santa Teresa d'Avila. Entrambi monumenti Patrimonio dell'Umanità, rappresentano appieno la bellezza barocca della cittadina iblea. Il primo con i suo grande scalone monumentale, gli stucchi e affreschi dei soffitti oltre alla Pinacoteca Comunale che custodisce i quadri dei maestri del Gruppo di Scicli come Piero Guccione e Franco Sarnari; la seconda grazie all'eccezionale candore dei suoi stucchi bianchi e alla bellezza dei distacchi tardo-medievali e rinascimentali proventienti dal Complesso di Santa Maria della Croce.

Per tutta l'estate i Siti Culturali del Comune di Scicli sono aperti al pubblico, con orario continuato dalle 10.00 alle 22.30.

Non vi resta che mettere lo zaino in spalla e venire a toccare con mano la bellezza.

dove soggiornare