Montalbano e i nuovi scenari da scoprire.

Scritto da
Vincenzo B
|
Marzo 10, 2017

News

È tornato Montalbano e con lui la magia dei suoi luoghi, con i loro colori capaci di incantare la platea televisiva italiana e mondiale.

Scicli, Modica, Ragusa Ibla e poi ancora Punta Secca, Sampieri, Donnalucata, il Castello di Donnafugata sono entrati ormai a far parte dell’immaginario collettivo di milioni di persone e non finiscono mai di stupire e attrarre chiunque abbia il desiderio di visitare la Sicilia e il sud-est in particolare.

Nei due nuovi episodi andati in onda i giorni scorsi, Il Covo di Vipere e Come vuole la prassi, con quest’ultimo risultato il più visto di sempre in Italia, la troupe di Alberto Sironi è andata alla ricerca di nuovi scorci e luoghi tutti da scoprire.

Dopo anni, Montalbano è tornato nel Parco Naturale di Costa di Carro, a pochi chilometri da Sampieri, ma, stavolta, si è spinto verso la splendida costa con le falesie a picco sul mare di Punta Corvo. Il mare cristallino intorno alla Villa del Pretore, dove si trovano la spiaggia e la grotta dei contrabbandieri, teatro anni fa, come suggerisce il nome, del traffico illegale di sigarette e altre merci con Malta e l’Africa, nella fiction è stata location, invece, del suicido della Signora Barletta e della morbosa relazione fra la figlia, interpretata dalla bellissima Valentina Lodovini, e il marito.

Passando all’interno, invece, un nuovo luogo di Montalbano è sicuramente l’ex distretto militare, nonché la parte più alta di Ragusa Ibla, dove si trova una piazza prospiciente il villino Arezzo del 1910: un belvedere dal quale si può godere di una vista suggestiva della cupola del Duomo di San Giorgio e di un panorama stratosferico di tutta Ibla, soprattutto di sera.

Infine, Montalbano, insieme alla sua storica amica Ingrid, è andato a scoprire uno dei luoghi più belli del mondo: la Valle dei Templi di Agrigento. Scendendo nel particolare, il Commissario e l’istrionica fimmina svidisa, scelgono come luogo di un loro appuntamento le rovine del Tempio di Giunone, sicuramente un luogo di immensa bellezza.

Montalbano, insomma, aggiunge luoghi meravigliosi a luoghi meravigliosi, pescando nell’immenso serbatoio di cui la Sicilia è ricca, in un mix di campagna, mare e luoghi storici che solo l’isola più bella del mondo può offrire.

dove soggiornare