Il Liberty di Basile a Ispica

Scritto da
Giovanni
|
Maggio 17, 2016

Monumenti
Monumenti

E' il protagonista indiscusso di ogni panoramica della città. Potete ammirarlo se arrivate a Ispica da Rosolini o da Modica e non è un caso. Il cavaliere Pietro Bruno di Belmonte chiese all'architetto palermitano Ernesto Basile, probabilmente conosciuto a Montecitorio, di esprimere il prestigio della sua famiglia sul territorio circostante. I lavori di costruzione di Palazzo Bruno iniziarono nel primo decennio del XX secolo, nonostante l'imponenza della "struttura" richiami quella di un castello quattrocenteso.

Si tratta di una delle massime espressioni di stile liberty in tutta la provincia di Ragusa. Un tempo residenza della famiglia Bruno di Belmonte, oggi il Palazzo, recentemente restaurato, ospita gli uffici del Comune di Ispica con un freschissimo giardino generosamente realizzato da Pietro Calabrese, noto imprenditore agricolo ispicese.

E se da lontano sono le dimensioni del Palazzo a catturare l'attenzione del Viaggiatore, da vicino sono sicuramente i dettagli a rapirlo. La grazia dello stile liberty snellisce il prospetto con movimenti delicati e interessanti decorazioni che si avvicinano notevolmente alla corrente artistica prevalente in Europa in quel periodo. Siamo nei primi del Novecento e Basile si ispira all'art nouveau senza comunque discostarsi da evidenti riferimenti alla tradizione gotica.

Palazzo Bruno di Belmonte, insieme alla Basilica di Santa Maria Maggiore con gli affreschi di Olivio Sozzi e il loggiato del Sinatra, insieme agli stucchi del Gianforma nella Chiesa SS. Annunziata e alle scoperte archeologiche come il Parco Forza della Cava...val bene un Viaggio a Ispica.

dove soggiornare